31-07-2021


Radioprotezione ed ASO


interpello all’Ispettorato del lavoro


Radioprotezione ed ASO


Per evitare di ricorrere al giudice tutte le volte che un ispettore interpreta la norma in maniera diversa, la dott.ssa Rossetti ha presentato nei giorni scorsi una richiesta al Direttore Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, dott. Bruno Giordano (già magistrato), per conoscere la posizione ufficiale dell'Istituto in riferimento all’inquadramento degli ASO dal punto di vista del rischio da radiazioni ionizzanti. Lo scopo è quello di ottenere un chiarimento ufficiale, una linea di condotta univoca su tutto il territorio italiano.

La mancata classificazione a rischio dell'ASO quale ‘lavoratore non esposto’ e la conseguente ricusazione da parte di molti Ispettori del lavoro si può immaginare derivata da una prima superficiale lettura del termine ‘lavoratore’ concepito con senso comune (come qualsiasi lavoratore del decreto 81) e non specificamente quale soggetto esposto per ragioni di lavoro alle radiazioni ionizzanti, come dev'essere in questa precisa accezione, in base alla definizione del decreto 101/2020”. “D'altra parte –continua- se l'odontoiatra, unico titolato ad eseguire radiografie al paziente, è classificato “lavoratore non esposto” (in ragione del basso valore di dose stimato), ne consegue che tale classificazione (che compare nell'elenco dei soggetti classificati a rischio da radiazioni nell'articolo 123/101) non possa essere lecitamente attribuita all'ASO che non ha titolo per impiegare apparecchi RX e a cui è vietato, per il principio di giustificazione, esporsi per lavoro alle radiazioni”.


e20 s.r.l. C.F. e P.I. 01236330997 - N° REA: 394546 - Cap. soc.: 51.000,00 € I.V. - Via A.Cecchi 4, 16129 Genova - tel. +39 010 5960362 - fax +39 010 5370882  privacy policy
e20 s.r.l. - Accreditamento Standard Provider ECM n. 410 del 23/06/2021
e20 s.r.l. è un'azienda con certificazione
di qualità UNI EN ISO 9001-2015


Seguici su:  
Powered by © Mobilbyte s.a.s. Information Technology